Le Gemme di vetro, Acqui Terme, AL. Certificazione Casaclima Oro

Nuovo quartiere residenziale

Le Gemme di vetro, Acqui Terme, AL. Certificazione Casaclima Oro
Le Gemme di vetro, Acqui Terme, AL. Certificazione Casaclima Oro
Le Gemme di vetro, Acqui Terme, AL. Certificazione Casaclima Oro
Le Gemme di vetro, Acqui Terme, AL. Certificazione Casaclima Oro
Le Gemme di vetro, Acqui Terme, AL. Certificazione Casaclima Oro
Le Gemme di vetro, Acqui Terme, AL. Certificazione Casaclima Oro
Le Gemme di vetro, Acqui Terme, AL. Certificazione Casaclima Oro
Le Gemme di vetro, Acqui Terme, AL. Certificazione Casaclima Oro
Le Gemme di vetro, Acqui Terme, AL. Certificazione Casaclima Oro
Le Gemme di vetro, Acqui Terme, AL. Certificazione Casaclima Oro
Le Gemme di vetro, Acqui Terme, AL. Certificazione Casaclima Oro

Il progetto riguarda il riuso di un’area industriale, l’ex vetreria Borma, in Acqui Terme che è stata sede per oltre mezzo secolo di una importante azienda, collocata in posizione urbana semiperiferica, ma baricentrica fra il centro storico cittadino ed il Borgo Bagni, luogo cittadino termale e turistico d’eccellenza.

 
Il progetto prevede un articolato sistema del verde costituito dai giardini e percorsi pubblici e da ampi spazi naturali interni al tessuto edilizio ed il complesso di edifici pluripiano sarà destinato a residenze, uffici, locali commerciali e direzionali.

L’edificio è progettato secondo le norme vigenti in materia sismica ed è idoneo sotto ogni punto di vista ai requisiti di sicurezza attuali; il sistema costruttivo è a telaio in cemento armato.

I materiali previsti sono essenzialmente quelli di uso corrente in Acqui Terme: la terracotta a vista, l’intonaco colorato, il cemento e la pietra con l’aggiunta, magari in piccole tracce o in elementi significativi, di materiali artificiali quali il vetro e l’acciaio e naturali come il legno.

La nuova edificazione sarà coerente ai criteri di sostenibilità ambientale: l’edificio sarà certificato in classe A CasaClima.

Gli edifici saranno quindi caratterizzati da ridotte richieste di energia per il riscaldamento, il raffrescamento e l’illuminazione. Specifica attenzione sarà posta al problema dell’inquinamento indoor e alla qualità dell’aria. Le pareti perimetrali saranno realizzate in laterizio alveolare con una camera d’aria interna per il passaggio degli impianti in modo da non interferire con le strutture né con le prestazioni termoacustiche dell’involucro. Esternamente un cappotto termico completa l’isolamento in modo da eliminare ogni ponte termico. Speciali elementi a taglio termico saranno usati per isolare la struttura di tutti i balconi e cornicioni in cemento. E’ stata posta particolare attenzione non solo alla limitazione delle dispersioni termiche invernali ma anche all’efficienza dell’involucro in estate attraverso il controllo dello sfasamento termico, cioè del ritardo con cui l’onda di calore attraversa la parete per il rinfrescamento nelle ore notturne. Gli alloggi saranno dotati di riscaldamento a pavimento e scalda salviette nei bagni alimentati da un generatore di calore centralizzato. Inoltre ogni appartamento avrà un impianto di ventilazione meccanica con recuperatore di calore autonomo per ogni singola unità. La copertura piana ospiterà pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria e pannelli fotovoltaici. Nelle cucine non è previsto l’uso del gas metano ma solo di piastre elettriche.

                                                                                                                                                                                                                 

Lo studio Energycare, per conto dell'impresa Orione, ha seguito tutti gli aspetti legati alla prevenzione incendi ed alla progettazione acustica.