Palazzina di ringhiera, Novara, AL. Classe energetica A

Ristrutturazione globale ed efficientamento energetico

Palazzina di ringhiera, Novara, AL. Classe energetica A
Palazzina di ringhiera, Novara, AL. Classe energetica A
Palazzina di ringhiera, Novara, AL. Classe energetica A
Palazzina di ringhiera, Novara, AL. Classe energetica A
Palazzina di ringhiera, Novara, AL. Classe energetica A
Palazzina di ringhiera, Novara, AL. Classe energetica A
Palazzina di ringhiera, Novara, AL. Classe energetica A

L’intervento prevede la riqualificazione energetica dell’intero immobile  attraverso una serie di opere esterne ed interne che permetteranno di ricavare tre minialloggi per piano ed una nuova unità immobiliare nel piano sottotetto (recuperato secondo i criteri della Legge regionale 21/’98). Verrà mantenuta l'attuale distribuzione “a ballatoio”, sfruttando il vano scala esistente; gli alloggi saranno tutti mono o bilocali, analogamente distribuiti all'interno, tutti con doppio affaccio. La struttura portante in muratura dell'intero immobile verrà mantenuta e consolidata con putrelle d'acciaio laddove necessario e si prevede il rifacimento della copertura con orditura portante in legno lamellare e manto di copertura in tegole, sostituite da pannelli solari fotovoltaici e termici integrati sulla falda a sud.

L'efficienza energetica dell'immobile verrà migliorata isolando termicamente tutte le murature perimetrali con un sistema a cappotto esterno in pannelli di EPS con grafite da 10 cm; le porzioni di muratura confinanti con gli edifici adiacenti verranno isolate dall'interno con pannelli di idrati di silicato di calcio da 10 cm, in modo da risolvere anche eventuali problemi di umidità e,il tetto avrà un isolamento di cm 12 in fibra minerale, chiusa tra due assiti in legno.

Gli attuali massetti in cls dei solai interpiano verranno rimossi e sostituiti da massetti alleggeriti di maggiore spessore che consentiranno l'alloggiamento degli impianti, oltre alla diminuzione delle dispersioni termiche tra un alloggio e l'altro.

Particolare attenzione verrà riservata alla risoluzione di alcuni nodi critici di giunzione tra i vari elementi della costruzione per risolvere eventuali ponti termici (attacco a terra, giunto balconi-solai interpiano, giunto serramenti-murature,...). Tutti i serramenti avranno telai in pvc o legno a taglio termico e vetrocamera bassoemissivo con sistema di oscuramento esterno: persiane più conservative sul fronte nord e lamelle orientabili ed “impacchettabili” in appositi cassonetti coibentati, interni alla muratura, sul fronte sud.

Gli alloggi verranno isolati anche acusticamente per evitare il propagarsi delle onde sonore tra le varie unità immobiliari grazie a contropareti in cartongesso con interposto materiale fibroso e massetti galleggianti con interposti materassini elastici in polietilene. Relativamente alle finiture esterne, si propone una rasatura su cappotto uniforme su tutti i fronti (azzurro polvere) tranne per il blocco scale che avrà due fronti grigi; tutti i serramenti saranno color bianco perla e i sistemi di oscuramento grigi. Per il rivestimento esterno dei balconi verrà mantenuta l'attuale pietra di luserna e tutte le ringhiere saranno in ferro tinteggiato in grigio chiaro micaceo.

Dal punto di vista impiantistico, la climatizzazione invernale verrà garantita da una caldaia  a condensazione, alimentata a gas metano, da 20 kW che garantirà anche l'acqua calda sanitaria che, per almeno il 60%, sarà ottenuta grazie all'energia prodotta dai pannelli solari termici in copertura. Il calore sarà erogato in ambiente tramite radiatori a colonne e la temperatura sarà regolata tramite valvole termostatiche poste sui singoli terminali. Un'unica  macchina garantirà il ricambio d'aria controllato (estrazione ed immissione) degli alloggi. I pannelli solari fotovoltaici integrati in copertura permetteranno inoltre di coprire parte dei fabbisogni elettrici dell'immobile. Verrà inoltre sfruttata l'acqua di falda per risparmiare acqua potabile a fini sanitari o irrigui.